Benvenuti.. Mi chiamo Elisa, classe 1987, moglie di un marito meraviglioso, Paolo, il mio "assaggiatore di corte", figlia di due genitori splendidi, la mamma che mi ha ispirato con la sua passione nel preparare il ragù alla bolognese nei pomeriggi invernali con la condensa del vapore sulle finestre, il papà che mi ha regalato la sua dolcezza e la sua pazienza nell'assecondarmi in qualsiasi mia stramberia culinaria, facendomi i complimenti anche se il cibo non era dei migliori.

La cucina è diventata da poco una valvola di sfogo, un hobby rilassate dal quale, forse, pretendo troppo; non faccio mai la stessa ricetta due volte, sono sempre in continuo movimento nel cercare libri di cucina e sfogliarne le pagine fino ad arrivare all'ispirazione del momento. Una vera e propria passione l'ho trovata nei dolci, proprio io che ho un marito diabetico e una personale intolleranza al lattosio... buffo no? Così invento e modifico le ricette fino ad adattarle alle nostre esigenze, facendo lavorare l'immaginazione. Adoro indossare il grembiule che mi ha regalato la nonna da bambina, quando insieme preparavamo le crescentine fritte, sporcarmi di farina fino ai gomiti e poi dimenticandomi di essere sporca, me la spargo su tutta la faccia per spostarmi i ciuffi di capelli che rimangono fuori dalla coda, insomma, adoro il cibo... godiamocelo.

Zuppa Imperiale

Si avvicina l'Epifania che tutte le feste porta via e siamo agli sgoccioli anche con le ferie che rivedrò solamente ad agosto, come molti di voi suppongo; per non smentirmi con la stagione attuale, propongo anche oggi un primo adattissimo alle cene fredde dopo un pomeriggio passato a vagabondare per outlet o centri cittadini rientrando tutti infreddoliti. Questo è un piatto tipicamente emiliano, e dicendo questo non credo di fare un torto a nessuno, mi sono documentata prima di fare questa affermazione e vado sul sicuro... :) La zuppa imperiale.

Questa è la ricetta che mi ha dato la mia mamma e sono sincera, quella che io preferisco.



Ingredienti:
5 uova
75 gr di burro
100 gr di parmigiano reggiano
100 gr di semolino
50 gr di farina
30 gr di mortadella
1 pizzico di bicarbonato
sale, pepe e noce moscata q.b.

In una ciotola sbattiamo le uova con una forchetta ed uniamo parmigiano, semolino, farina setacciata, mortadella tagliata fine fine, un pizzico di bicarbonato (che aiuterà la lievitazione durante la cottura); sciogliere il burro a bagnomaria ed unirlo al composto; mescolare il tutto molto bene e aggiungere sale, pepe e noce moscata a piacere.
Foderare uno stampo da ciambella con carta forno e versare il composto ottenuto.
Scaldare il forno a 170° e lasciare cuocere per 30 minuti.

Nessun commento:

Posta un commento

Cari amici, grazie per essere passati nel mio piccolo blog, se volete lasciatemi dei commenti e suggerimenti per migliorare sempre di più.
Grazie
Elisa