Benvenuti.. Mi chiamo Elisa, classe 1987, moglie di un marito meraviglioso, Paolo, il mio "assaggiatore di corte", figlia di due genitori splendidi, la mamma che mi ha ispirato con la sua passione nel preparare il ragù alla bolognese nei pomeriggi invernali con la condensa del vapore sulle finestre, il papà che mi ha regalato la sua dolcezza e la sua pazienza nell'assecondarmi in qualsiasi mia stramberia culinaria, facendomi i complimenti anche se il cibo non era dei migliori.

La cucina è diventata da poco una valvola di sfogo, un hobby rilassate dal quale, forse, pretendo troppo; non faccio mai la stessa ricetta due volte, sono sempre in continuo movimento nel cercare libri di cucina e sfogliarne le pagine fino ad arrivare all'ispirazione del momento. Una vera e propria passione l'ho trovata nei dolci, proprio io che ho un marito diabetico e una personale intolleranza al lattosio... buffo no? Così invento e modifico le ricette fino ad adattarle alle nostre esigenze, facendo lavorare l'immaginazione. Adoro indossare il grembiule che mi ha regalato la nonna da bambina, quando insieme preparavamo le crescentine fritte, sporcarmi di farina fino ai gomiti e poi dimenticandomi di essere sporca, me la spargo su tutta la faccia per spostarmi i ciuffi di capelli che rimangono fuori dalla coda, insomma, adoro il cibo... godiamocelo.

BIGNE' ALLA CREMA


Agosto è il mese dei compleanni in casa Maresca e oggi, tanto per cambiare J, propongo questi bignè farciti con la crema e glassati con ghiaccia reale colorata e non. So che ultimamente i miei post non vanno d’accordo con chi ha deciso di mettersi in linea oppure con chi purtroppo come me, non può mangiare certi ingredienti ai quali è allergico o intollerante, ma prometto che rimedierò soprattutto durante l’autunno, giuro…… lo spero.
Queste chicche sono state preparate per festeggiare il 32° compleanno di mio cognato, che tra poco diventerà papà di una bimba che sarà sicuramente bellissima e che non vedo l’ora di conoscere; in realtà ho sfruttato alcuni bignè già preparati che avevo da qualche tempo nella mia credenza prossimi alla scadenza, e dopo essermi accertata che erano ancora buoni ho improvvisato il resto.

Ingredienti per la crema:
500 ml di latte
40 gr di farina
Zucchero
4 tuorli d’uovo
Portare ad ebollizione il latte a fuoco dolce; nel frattempo sbattere i tuorli con lo zucchero con le fruste fino ad ottenere un composto schiumoso, setacciare la farina e mescolare al composto di uova e zucchero; unire al latte e mescolando continuamente, lasciare bollire finchè non si crea una crema abbastanza densa.
Tagliare i bignè a metà e riempire con l’aiuto di un cucchiaio da cucina per poi sovrapporli ricreando la forma originale, in verità avrei dovuto fare un buco nel bignè e riempirlo con il sac a poche, ma ho avuto un po’ di difficoltà e quindi ho optato per la versione più veloce. J
Glassa (ghiaccia reale):
1 albume d’uovo
100 gr di zucchero a velo
Qualche goccia di limone
Facoltativo colorante alimentare a scelta

Mescolare con cura tutti e tre gli ingredienti; se volete colorare una parte della glassa, come nel mio caso, mettetene metà in un’altra ciotolina con appena un goccio di colorante alimentare a scelta (premetto che io ne ho messe giusto giusto due gocce ed ho ottenuto un colore molto più forte di quello che pensassi, quindi attenzione!) e mescolate bene fino  a che tutta la glassa si sarà omogeneizzata nel colore. Aiutandovi con un cucchiaio ponete una piccola quantità di glassa sul bignè e lasciate che si rapprenda in frigorifero.


3 commenti:

Angelica ha detto...

Buonissimi!

Ritroviamoci in Cucina ha detto...

Ma sai che proprio in questi giorni stavo meditando di preparare un vassoio di mignon bianchi e celesti per celebrare la nascita di un bambino? Bella idea!

Elisa ha detto...

Ah io adoro questo colore di glassa, basta una sola goccia di colorante blu, poco poco; adattissimo per festeggiare un maschietto.
Elisa

Posta un commento

Cari amici, grazie per essere passati nel mio piccolo blog, se volete lasciatemi dei commenti e suggerimenti per migliorare sempre di più.
Grazie
Elisa